Pagine

martedì 21 settembre 2021

VACCINATEVI!!! È L UNICA NOSTRA SPERANZA DI VITA. PER TUTTI

Voglio portare la testimonianza di una persona che, sia pure con molta difficoltà, ha vinto la propria battaglia contro il Covid-19: si tratta del sig. Artemio Milani, mio suocero.

Se parlo di un caso che mi ha colpito direttamente, è con un duplice intento. Da un lato, io e mia moglie Sara vogliamo ringraziare di cuore tutti coloro che si sono adoperati per mantenere ancora in vita il nonno di Ethan, e che continuano ad operare sul campo ogni giorno per salvare vite umane colpite da questa terribile pandemia. Dall’altro vorrei dire a tutte le persone, giovani e meno giovani, che sono titubanti o che non vogliono vaccinarsi, quello che già ribadisco senza sosta sulla stampa e sui social VACCINATEVI!!! È L UNICA NOSTRA SPERANZA DI VITA. PER TUTTI.

Ricoverato il 13 novembre all’ospedale di Chioggia per sospetti sintomi di Covid, da quel momento ha avuto inizio un lunghissimo iter, ben 4 mesi, che lo avrebbe poi portato a venir ricoverato in diversi reparti ospedalieri. Ci tengo a nominarli tutti con precisione qui di seguito:

  • Pronto soccorso dell’Ospedale di Chioggia (dove è stato prontamente identificato il virus);

  • Medicina interna dell’Angelo di Mestre (dove sono iniziate le prime cure contro il Covid);

  • Rianimazione dell ‘Angelo di Mestre (reparto presso il quale il sig. Milani è rimasto intubato per quasi 2 mesi, riuscendo a sopravvivere grazie alla maestria di chi ci lavora, all’umanità del team infermieristico, alla buona sorte e alla sua forza personale);

  • Rianimazione dell’Ospedale di Chioggia (dove ha iniziato a riprendere coscienza di sé);

  • Medicina interna dell’Ospedale di Chioggia;

  • Reparto di Fisioterapia del Fatebenefratelli di Venezia (presso il quale è riuscito, grazie alla competenza degli addetti e di una fisioterapista particolarmente tenace che ha creduto in lui, a risollevarsi in piedi, nonostante la forte astenia, e a camminare tramite degli ausili);

  • Reparto di Geriatria dell’Ospedale di Chioggia (da dove, dopo aver tolto la tracheotomia, è stato finalmente dimesso).

Quattro mesi interminabili, per lui ma anche per tutti noi. E stato solo grazie a tutto il personale medico, infermieristico e amministrativo dei vari reparti che ho citato, che oggi il sig. Milani (sia pur ancora con alcune difficoltà motorie) è vivo e perfettamente lucido. Il 5 luglio ha festeggiato in famiglia, col suo nipotino in braccio, i suoi 84 anni.

Un grazie anche al Reparto di fisioterapia della Cittadella Socio Sanitaria di Cavarzere, presso cui ora il sig. Milani continua il percorso riabilitativo

 


venerdì 10 settembre 2021

CAVARZERE: NOMINATO IL NUOVO CDA DELL'IPAB


 Il consiglio di amministrazione dell’IPAB di Cavarzere sta arrivando a fine mandato.

Si tratta di un ente autonomo non dipendente dal comune e neppure controllato dello stesso, ma nello statuto dell'IPAB è indicato il sindaco di Cavarzere come figura deputata a provvedere alla nomina dei componenti del CdA.

Questo ha una scadenza quinquennale e il mandato attuale scadrà il prossimo 14 settembre.

La procedura per la nomina del nuovo CdA è contenuta in una delibera di Giunta regionale. Per garantire la continuita dell’amministrazione, il presidente del CdA in carica deve avviare la nomina novanta giorni prima della scadenza, comunicando all’autorità competente l'imminenza della scadenza e l’adempimento.


Si è quindi proceduto alle nuove nomine e i nuovi consiglieri sono Andrea Orlandin, Ilaria Armarolli, Luciana Mischiari, Valentino Ruggini, Bruno Cassetta. 

Solo Ilaria Armarolli avrà continuità tra i due mandati.

L’attuale presidente e il vice presidente non possono essere nominati, avendo già presenziato per due mandati consecutivi.


Il sindaco Henri Tommasi ha quindi ringraziato i consiglieri uscenti dando risalto a ciò che è stato realizzato negli ultimi anni, quale la nuova struttura, il nuovo centro diurno e le innovazioni organizzative, auspicando che il nuovo CdA possa proseguire sulla stessa linea, dialogando con le istituzioni per rispondere in modo puntuale e qualificato alle esigenze degli anziani presenti nelle comunità.



martedì 10 agosto 2021

PAOLO FONTOLAN SFIDA IL CENTRO DESTRA A CAVARZERE


A Cavarzere il Partito Democratico presenta il candidato sindaco affiancata alla lista civica “Siamo Cavarzere”, guidata dal sindaco Henri Tommasi.

Si tratta del vicesindaco uscente, Paolo Fontolan, una persona scelta per la figura moderata che rappresenta e nella quale si uniscono gli intenti di entrambe le parti della coalizione ottenendo anche l’appoggio della senatrice Lia Quartapelle che per queste amministrative ha avuto l'incarico di commissario per il PD.

Una persona apprezzata per la serietà e la preparazione, che sa farsi ascoltare nelle sedi opportune senza la necessità di urlare ma lavorando a testa bassa. 

Secondo Sabrina Perazzolo, segretaria del PD, sezione di Cavarzere, in questi ultimi anni si è dimostrato di poter lavorare insieme per migliorare la vivibilità della città senza farsi prendere da inutili protagonismi. 

Con la figura di Fontolan il Partito Democratico si apre alla collaborazione di tutti coloro che vogliono attivarsi per migliorare la qualità della vita nella città, portando avanti anche ciò che è stato fatto fino ad ora. 

Molti saranno i temi che andranno affrontati durante questa campagna elettorale, continua la Perazzolo, tutti riguardanti argomenti che si possono affrontare ottenendo risultati, sui quali si andrà a lavorare con tenacia e a testa bassa. 


lunedì 9 agosto 2021

GRANDE SUCCESSO DEL CONCERTO DI MUSICA SINFONICA

Ieri, domenica 8 agosto a Cavarzere si è tenuto un importante concerto per gli appassionati della lirica.

L’occasione è stato il 120esimo anniversario dalla morte di Giuseppe Verdi.

Il concerto si è tenuto in una calda serata nella centrale ed accogliente Piazza Vittorio Emanuele II che, nel rispetto delle norme anticovid per la prevenzione dei contagi, ha raccolto attorno al palco un folto e attento pubblico.

La coinvolgente serata ha visto l’esibizione dell’Orchestra Sinfonica e del Coro “Tullio Serafin” con le voci della Soprano Chiara Milini e del tenore Domenico Menini.

Più che soddisfatto della partecipazione all’evento il sindaco Henri Tommasi che ha ringraziato calorosamente gli sponsor, senza i quali manifestazioni simili non potrebbero svolgersi.


Egregia la direzione del Maestro Renzo Banzato e dovuti i ringraziamenti all’assessore alla Cultura del Comune di Cavarzere, Paolo Fontolan con i quali da dieci anni si sta studiando il progetto per portare in piazza eventi culturali dimostrando quanto l’idea di sia stata vincente.

Altri eventi organizzati dall’amministrazione comunale hanno più facilità ad attirare pubblico e dare un riscontro, in questo caso la sfida è stata più impegnativa ma il risultato è stato più che positivo.

Un evento per il successo del quale è stata ammirevole la partecipazione di coloro che ci hanno creduto dall'inizio.



 

domenica 8 agosto 2021

mercoledì 4 agosto 2021

ORLANDIN (BILANCIO): 120.000 EURO A TASSO AGEVOLATO PER SOSTENERE LE ATTIVITÀ DEL TERRITORIO

A sostegno del territorio, grazie a una collaborazione tra l’Amministrazione Comunale di Cavarzere e il Consorzio Veneto Garanzie sono stati stanziati fondi per garantire prestiti al mondo produttivo fino a un totale di 120mila euro.

Tali prestiti possono essere quindi erogati a condizioni molto vantaggiose, quali un interesse bancario a canone fisso alle imprese dello 0,7% annuo; nessuna spesa di istruttoria, nessuna commissione di garanzia e documentazione semplice di istruttoria; per il rilascio del finanziamento solo 15 giorni per l'istruttoria bancaria come termine massimo di lavorazione; nessuna commissione di erogazione, nessuna penale in caso di estinzione anticipata del prestito. La durata massima del finanziamento è di 72 mesi.

L’operazione è stata annunciata dall’assessore al Bilancio Andrea Orlandin. Se verrà accolta in modo positivo potrà essere riproposta e ampliata. 

Questo sarà possibile grazie a un rapporto particolarmente vantaggioso per il Comune con il Consorzio stesso.



 


martedì 3 agosto 2021

GRANDE LIRICA SOTTO LE STELLE


 Una grande serata quella che domenica 8 agosto  aspetta a Cavarzere gli appassionati della lirica. In occasione del 120esimo anniversario dalla morte di Giuseppe Verdi, si esibiranno nella centrale Piazza Vittorio Emanuele II l’Orchestra Sinfonica e il Coro “Tullio Serafin”,a partire dalle ore 21.

La Direzione è affidata al Maestro Renzo Banzato e la presentazione dell’evento a Vanessa Banzato. Risalteranno le voci della Soprano Chiara Milini e del Tenore Domenico Menini.


Per assistere è obbligatoria la prenotazione che deve essere effettuata presso il foyer del teatro “T. Serafin” di Cavarzere mercoledì 4 agosto e giovedì 5 agosto dalle ore 10 alle 11:30 All’inizio del concerto i posti prenotati ma non occupati verranno messi a disposizione del pubblico.

In caso di condizioni meteo sfavorevoli il concerto si svolgerà lunedì 9 agosto.








sabato 31 luglio 2021

FINANZIAMENTO ACCORDATO PER IL SOCIAL HOUSING DI CAVARZERE


 CAVARZERE - Risultato eccezionale per Cavarzere, che con il progetto ‘Social

Housing per Cavarzere’ - insieme alla Citta’ Metropolitana di Venezia e ad altri quattro comuni - si è classificato al quarto posto del Veneto (ottantasettesimo a livello nazionale) nella graduatoria del Programma Innovativo Nazionale per la Qualità dell’Abitare, che ha come fine ultimo il sostegno alla coesione sociale mediante la riduzione del disagio abitativo e culturale. Sono giunti anche i complimenti e i ringraziamenti del Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro a tutti i 10 comuni coinvolti nei tre progetti che si sono classificati in graduatoria per un finanziamento complessivo di 45 milioni di euro. La prima proposta della Città’ Metropolitana di Venezia - che conteneva i progetti dei Comuni di Cavarzere, Dolo, Stra, Pianiga e Fossò - era quella relativa alla riqualificazione del patrimonio edilizio pubblico, con particolare riferimento all edilizia residenziale pubblica, tema centrale del bando nazionale

“È una grande soddisfazione - afferma il sindaco Henri Tommasi - ci abbiamo creduto da subito considerando che Cavarzere ha un enorme patrimonio di edilizia pubblica sul quale sono necessari importanti interventi di recupero. Alcuni sono già stati avviati grazie a questa Amministrazione, ma è evidente che un finanziamento di queste proporzioni, che riguarda particolari categorie di cittadini come anziani e giovani, è veramente un grandissimo risultato. Non era il classico bando in cui alla fine i soldi vengono distribuiti a tutti, ma un vero e proprio ‘concorso’ con un Alta Commissione che giudicava i progetti. Devo ringraziare la Città Metropolitana, tutto il settore comunale del Governo del Territorio e il Dirigente, architetto Federico Pugina, che ha coordinato tutta l’operazione in tempi strettissimi. Ora, in base al protocollo sottoscritto, cercheremo di capire la distribuzione del finanziamento. che in ogni caso coprirà i 2.600.000 previsti per gli interventi.” “Se non avessimo partecipato al concorso insieme alla Città’ Metropolitana non avremmo mai avuto un’opportunità del genere – chiude Tommasi. ‘Per questo in giugno avevamo approvato in Consiglio un ordine del giorno nel quale si chiedeva al Governo di finanziare per la rigenerazione anche i comuni sotto i 15.000 abitanti “ Soddisfazione anche per l’arch. Catia Paparella, assessore all’Urbanistica, che con questo progetto chiude un ciclo di provvedimenti sull’adeguamento della strumentazione urbanistica del Comune al tema del contenimento del consumo di suolo, come sono stati la variante al P.A.T. e il nuovo regolamento edilizio. Inoltre il Comune di Cavarzere si è anche aggiudicato un contributo dalla Regione Veneto di 4mila euro per finanziare la variante al Piano degli Interventi relativa alla legge “Veneto 2050”.



lunedì 26 luglio 2021

TOMMASI: NON SI PUÒ DIMENTICARE LA STORIA

In occasione della presentazione del volume “La liberazione di Cavarzere”, ricavato da appunti vergati dal Generale Bisognero a cura di Raffaella Pacchiega, il sindaco Henri Tommasi ha fatto un intervento in cui ha sottolineato l’importanza di ricordare gli eventi salienti della storia di un popolo.

Anche un periodo come questo, afferma Tommasi, che ha dato tanti frutti amari non solo nel territorio, ma a livello nazionale e mondiale, rischia di rimanere archiviato come fine a se stesso senza assumere quell’importanza che lo dovrebbe trasformare in una pietra miliare  da cui trarre insegnamento. 


Sembra che alcuni momenti storici, continua il sindaco di Cavarzere portando ad esempio la seconda Guerra Mondiale, non siano neppure esistiti. Ciò è molto grave in quanto molti hanno perso la vita e molti l'hanno rischiata sacrificando se stessi, per difendere ideali di cui tuttora ne godiamo i benefici, quali la democrazia. 

Se da alcuni fatti non abbiamo imparato nulla, conclude, potremmo ricadere negli stessi errori. Ora li si ricorda in un modo che potrebbe sembrare ampolloso ma ciò è dovuto per sottolinearne l’importanza e per rimarcare la storia della comunità

 


domenica 25 luglio 2021

CERIMONIA IN MEMORIA DEL #GENERALE #BISOGNERO E DELLA #LIBERAZIONE DI CAVARZERE, APPUNTAMENTI IMPORTANTI QUESTO FINE SETTIMANA.

Due giorni per ricordare un’importante personalità della storia cavarzerana. Si tratta del Generale Riccardo Bisognero che, il 27 aprile del 1945, allora Tenente, liberò Cavarzere dall’occupazione fascista al comando del Battaglione Cremona. 
Sabato 24 luglio alle 17:30 sarà presentato al teatro comunale “Tullio Serafin” il libro “La liberazione di Cavarzere”, tratto da un opuscolo dattiloscritto arricchito di piantine disegnate a mano dallo stesso, ritrovato dal figlio nell’abitazione del Generale e adattato in un libro a cura di Raffaella Pacchiega. Volume edito dal Comune di Cavarzere e dalla Fondazione Clodiense.
Contestualmente verrà aperta la mostra permanente di cimeli storici appartenuti al Generale, donati dai familiari alla Città di Cavarzere
Alle 21:30, presso la Sala Convegni del Palazzo Danielato verrà proiettato il docufilm “Le pietre in volo” 
Domenica 25 luglio si terrà l’alzabandiera alle 9:30 in Via Roma, e ci sarà una cerimonia per onorare i caduti della seconda Guerra Mondiale. 
Dalle ore 10:00 sarà tenuta presso il Duomo di S. Mauro una Santissima Messa in memoria del Generale e delle vittime di Cavarzere della 2^ Guerra mondiale civili e militari 




venerdì 23 luglio 2021

CAVARZERE RICORDA IL "SUO" GENERALE

GENERALE BISOGNIERO

Due giorni per ricordare un’importante personalità della storia cavarzerana. Si tratta del Generale Riccardo Bisogniero che, il 27 aprile del 1945, allora Tenente, liberò Cavarzere dall’occupazione fascista al comando del Battaglione Cremona. 

Sabato 24 luglio alle 17:30 sarà presentato al teatro comunale “Tullio Serafin” il libro “La liberazione di Cavarzere”, tratto da un opuscolo dattiloscritto arricchito di piantine disegnate a mano dallo stesso, ritrovato dal figlio nell’abitazione del Generale e adattato in un libro a cura di Raffaella Pacchiega. Volume edito dal Comune di Cavarzere e dalla Fondazione Clodiense.

Contestualmente verrà aperta la mostra permanente di cimeli storici appartenuti al Generale, donati dai familiari alla Città di Cavarzere

Alle 21:30, presso la Sala Convegni del Palazzo Danielato verrà proiettato il docufilm “Le pietre in volo” 


Domenica 25 luglio si terrà l’alzabandiera alle 9:30 in Via Roma, e ci sarà una cerimonia per onorare i caduti della seconda Guerra Mondiale. 

Dalle ore 10:00 sarà tenuta presso il Duomo di S.Mauro una Santissima Messa in memoria del Generale e delle vittime di Cavarzere della 2^ Guerra mondiale, civili e militari 

 




L'AVVOCATO MUNARI È IL CANDIDATO UNICO DEL CENTRO DESTRA, TRA GLI OBIETTIVI LA FUSIONE TRA I COMUNI DI CAVARZERE E CONA

A Cavarzere Lega Forza Italia e Fratelli d’Italia hanno sottoscritto l’accordo programmatico per sostenere la candidatura a sindaco di Cavarzere di Pierfrancesco Munari. È stata stilata dalle tre segreterie una prima base di programma a valenza sovracomunale che verrà implementata con i contributi che potranno scaturire da un confronto con i cittadini. Tra i punti del programma politico: far partire l'iter burocratico per la fusione tra i comuni di Cavarzere e Cona, stabilizzare la Cittadella socio sanitaria di Cavarzere garantendo i servizi attuali alla popolazione, realizzare il distretto del commercio che abbracci i territori di Cavarzere e Cona come previsto dalla Legge regionale, investire su un piano di sicurezza territoriale che preveda videosorveglianza ed eventuale possibilità di convenzioni con istituti di vigilanza privati per il monitoraggio del territorio, un piano di vendita e recupero degli alloggi di edilizia residenziale pubblica, semplificare l'accesso alla pubblica amministrazione attraverso la digitalizzazione. Dopo mesi di confronto costruttivo, i coordinatori locali e provinciali hanno condiviso questi importanti temi e sottoscritto l’accordo che vede tutti soddisfatti, avendo trovato una sintesi concreta di programma su cui fondare il presente e il futuro di Cavarzere, dando una speranza di crescita dopo l’immobilismo delle due giunte Tommasi. Il progetto di fusione con il Comune di Cona, che esiste dal 2018, è un’opportunità anche per le risorse che conseguiranno. Questo, frutto di un grande lavoro della Camera di Commercio di Venezia, è condiviso da tutte le associazioni. Il territorio dovrà puntare anche sui servizi della Cittadella Socio-Sanitaria, per la cui alienazione la Regione Veneto ha già pubblicato il bando, oltre che sul Distretto del Commercio che potrà favorire l’accesso ai fondi messi a disposizione dalla Regione Veneto nei bandi per valorizzare la rete commerciale e rivitalizzare i territori sia di Cavarzere che di Cona.
Il candidato sindaco Munari ha concluso “In questi cinque anni, e dopo gli errori commessi nel 2011 e 2016, siamo riusciti a trovare, grazie alle idee e alle proposte, un progetto unitario. E solo con il gioco di squadra, solo rimanendo uniti e coesi, si può vincere e dare un futuro nuovo e migliore alla nostra Cavarzere”.

venerdì 16 luglio 2021

CAVARZERE: UN BANDO PER L'INCLUSIONE AL LAVORO DELLE PERSONE SVANTAGGIATE

Il comune di Cavarzere ha aderito a un bando emesso dalla regione Veneto al fine di attivare progetti di utilità sociale con scopo l’inclusione attiva di persone svantaggiate. L’azione è realizzata in partenariato con società cooperative sociali e permetterà che cinque persone che vivono una situazione di disagio sociale possano essere impiegate in percorsi di orientamento al lavoro e di accompagnamento allo stesso, in modo da permettere un inserimento nel tessuto sociale attraverso contratti a tempo determinato di 6 mesi. Le attività si svolgeranno all’interno del territorio di Cavarzere e riguarderanno servizi generali rivolti alla collettività. Il progetto è rivolto alle persone più fragili, che rischiano l’esclusione sociale e che da sole non riuscirebbero a reinserirsi nel tessuto sociale, ma che con questa modalità possono rimettersi in gioco, riqualificarsi e rendersi utili alla comunità cavarzerana. Il termine per la presentazione delle domande è il 2 agosto alle ore 12:00, sul sito istituzionale gli interessati possono trovare i requisiti richiesti e le indicazioni per presentare la domanda.

martedì 13 luglio 2021

IL CIRCOLO FRATELLI D'ITALIA RISPONDE AL SINDACO TOMMASI

La carenza di organico delle forze della Polizia Locale è un dato di fatto anche per quanto riguarda Cavarzere, che annovera un numero di uomini esiguo che si rende urgente e necessario integrare, per affrontare le necessità del territorio.
Sembra che l’ostacolo a nuove assunzioni sia l’impossibilità a indire concorsi, rinviati a causa della pandemia, almeno da quanto sostiene il sindaco. Il Circolo di Cavarzere di Fratelli d’Italia ritiene sorprendenti simili affermazioni. Concorsi pubblici si stanno svolgendo anche in questi giorni un po’ ovunque, partendo da Roma arrivando ad Alleghe, nel lapalissiano rispetto delle norme anti-covid. Sono vari i temi che vedono il Circolo FdI di Cavarzere in contrasto con le opinioni del sindaco, che sembra aver frainteso anche quando FdI ha accennato alla possibilità di fondere i Comandi di Polizia Locale tra Cavarzere e Cona per supplire alla carenza di agenti, in attesa di nuove assunzioni. Sembra che il sindaco abbia pensato che la proposta sia stata avanzata per fondere insieme i due Comuni.  Secondo FdI sembra che il Sindaco stia perdendo il contatto con i propri concittadini lasciando inascoltate le loro richieste. La richiesta di installare un Velox, proposta da FdI, non è campata in aria, come sembra affermare il sindaco, ma deriva dalle richieste dei cittadini stessi, stanchi di vedersi sfrecciare vicino casa veicoli a velocità tale da costituire fonte di pericolo. 
O come quella che riguarda la necessità di un maggior numero di telecamere, che, secondo l'amministrazione sono abbastanza, ma che non sembrano adempiere al loro scopo di controllo.
Inoltre nell’area ecologica di Ca’Dolfin la spazzatura non è conferita correttamente e neppure sembra essere recuperata con la giusta frequenza. Tasto dolente le frazioni, dove il manto stradale e lo sfalcio dell’erba non sembrano godere delle giuste attenzioni, seppure la loro manutenzione sia fondamentale in quanto causa di problemi di viabilità, in un caso, di salute nell’altro. Frazioni delle quali l’amministrazione sembra ricordarsi solo in periodo di elezioni. 
L’inerzia dell’amministrazione sembra stia durando da 10 anni, sottolinea il Circolo FdI, e non sembra essere mai colpa del sindaco Tommasi. 
Il circolo si è sentito punto sul vivo quando l’Assessore Fontolan  si è chiesto “Ma quelli di Fdi dove vivono?” E rispondono affermando che vivono nelle frazioni dimenticate dall'amministrazione, dove non è mai arrivato nessun programma culturale e nessun avviso di incontri, sottolineando l’incapacità dell’amministrazione stessa di promuovere i propri argomenti. Ribadiscono che il compito di promuovere la cultura del comune faccia parte dei doveri di un’amministrazione ma, probabilmente, insinuano, la cultura a Cavarzere sembra sia fruibile solo da una elite di persone vicine alla sinistra locale e di conseguenza rivolta a temi appetibili solo a loro. Affermano che dovrebbe essere un diritto voler valorizzare la cultura locale e le opere inerenti, che sarebbe un desiderio poter organizzare incontri con ospiti dal mondo accademico italiano, o eventi musicali.
I ragazzi del Circolo di FdI chiedono cosa ci sia di sbagliato nel fare proposte sottolineando, rispondendo alla domanda “Ma quelli di Fdi dove vivono?”, che “Vivono qui, in un paese dove è considerata una vittoria dover pagare 150mila € per la causa che riguarda il ponte di Boscochiaro”.


UNA BELLA FESTA PER IL NUOVO TRAGUARDO DI 101 ANNI DI NONNA MARIA

Una bella festa di compleanno alla residenza per anziani Andrea Danielato di Cavarzere che ha festeggiato la più longeva dell'istituto, la signora Maria Nalin nata a San Martino di Venezze il 13 luglio 1920 e che ha sempre vissuto nel comune di Cona, paese con cui è ancora molto legata per amicizie e frequentazioni. Una persona semplice e affabile pur con una vita alle spalle non semplicissima, il suo grande rimpianto è quello di aver perso tutti e tre i suoi figli che ricorda sempre nelle sue preghiere. Dopo la festa del compleanno precedente si è voluto dare ancora più importanza a questo nuovo record con la presenza sia del sindaco di Cavarzere Henri Tommasi che di quello di Cona, Alessandro Aggio. La signora Maria è sempre stata una brava cuoca e la cucina rimane la sua passione cimentandosi ancora oggi nel laboratorio di cucina con le sue ricette, probabilmente uno dei segreti della sua longevità è legato anche alla sua alimentazione.

sabato 10 luglio 2021

PONTE DI BOSCOCHIARO: NIENTE SCUSE PER UNA CAUSA PERSA IN PARTENZA

Secondo il Consigliere di Cavarzere Pasquali, il comunicato stampa rilasciato dal sindaco Tommasi, intende anticipare eventuali polemiche che possono scaturire dalla condanna al Comune a pagare 150mila euro alla ditta I.C.I. Coop per la causa che riguarda il lavori sul ponte Piccoli Angeli a Boscochiaro. 

Secondo Pasquali, la scelta di estromettere la ditta friulana non aveva motivazioni tecniche ma politiche. A riguardo ha dato mandato a un legale di esaminare la vicenda per un’eventuale segnalazione alla Corte dei Conti. I cittadini di Cavarzere si trovano a pagare 200mila euro (50mila euro per spese non riconosciute più 150mila euro di condanna a titoli vari) ottenendo in cambio un ponte ancora da rifare e incognite sul suo futuro. 

Pasquali lamenta la mancanza di trasparenza di questa amministrazione che sarà ricordata, a suo dire, quella del sindaco delle cause perse.

 

venerdì 9 luglio 2021

PONTE DEI "PICCOLI ANGELI" : IL COMUNE PERDE LA CAUSA MA LIMITA I DANNI

 L’amministrazione comunale di Cavarzere nei prossimi giorni deciderà se appellarsi alla sentenza che la vede parte prevalentemente vittoriosa nella causa contro la ditta Impianti Civili Industriali - I.C.I Coop. Il tema del contendere era in relazione all’appalto per i lavori di rifacimento del ponte Piccoli Angeli sul Gorzone in località Boscochiaro. Una causa iniziata già tre anni e mezzo fa esattamente il 9 marzo del 2016 .La motivazione che l’ha innescata è stata la risoluzione del contratto da parte del Comune per grave inadempimento e grave ritardo, come evidenziato nel verbale di deliberazione della Giunta Comunale. La I.C.I. Coop richiedeva all’epoca, all’amministrazione, una somma di circa 860mila euro, la maggior parte dei quali a ricoprire risarcimenti danni, oltre che mancati pagamenti per lavori già eseguiti. Richiesta che veniva contestata dal Comune che si costituiva in giudizio, proponendo un’iniziale conciliazione, rifiutata dall’impresa, riconoscendo comunque circa 50mila euro a titolo di lavori già eseguiti. La sentenza di primo grado è stata pronunciata il 14 maggio di quest’anno, con il respingimento di gran parte delle richieste di I.C.I. Coop. Una sentenza di condanna di poco superiore a 150 mila euro contro gli oltre 860mila richiesti che con gli interessi moratori avrebbero superato il milione di euro. Uno dei punti su cui l’amministrazione comunale non concorda è quello che riguarda le spese di lite integrali legali che non sembrano essere ripartite in modo equamente proporzionale.


lunedì 5 luglio 2021

CAVARZERE: IL PIANO DI FDI PER MIGLIORARE LA SICUREZZA

Antonio Ronchi
ANTONIO RONCHI

Il depotenziamento delle Forze dell’Ordine, incluso quello della Polizia Locale, ovunque presenta risvolti negativi per il rispetto dei regolamenti comunali che rischia di venire a mancare. A Cavarzere da otto agenti si è passati a soli cinque, un numero inadeguato per il territorio di competenza. Ciò ha portato a un aumento di furti e “spaccate”d’auto, senza contare l’aumento di azioni vandaliche compiute da piromani, diminuendo la sensazione di sicurezza percepita dalla popolazione. Servirebbe l’integrazione con almeno altri 5 agenti nell'organico, ma a Cavarzere non vengono svolti concorsi pubblici per incrementarlo, ciò sarebbe invece necessario. Inoltre potrebbe essere interessante una fusione tra Comandi di Polizia Locale in modo da creare turni da coprire anche l’ambito serale o convenzioni con il Comando di Venezia e con la Centrale Operativa Telecomunicazioni e Sorveglianza creando una sinergia con la Città Metropolitana. Utile sarebbe inoltre l’installazione di un sistema di videosorveglianza nei punti più nevralgici e sensibili come, per la questione traffico, fornire la città di un sistema di Autovelox fissi per garantire maggior sicurezza sui tratti che invitano a tenere una velocità maggiore. Queste le proposte del Gruppo di Fratelli D’Italia, circolo di Cavarzere, per dare risposte concrete a problemi che da anni affliggono la città di Cavarzere.

giovedì 1 luglio 2021

ALTRI CENTO DI QUESTI GIORNI A NONNA CESIRA BARBUGIAN

Alla Casa di Riposo Danielato di Cavarzere, oggi c’è stato un importante compleanno, i cento anni di vita dell’ospite Cesira Barbugian, nata a Pegolotte di Cona e soprannominata Carmen. In gioventù ha avuto una grande passione per il ballo. Ospite della struttura dal 2018 ha dimostrato un carattere deciso e spigliato. Ha espresso il desiderio di poter festeggiare vicina ai familiari più cari, ha avuto al suo fianco, nell’occasione, anche il personale della struttura, il sindaco di Cona, comune di nascita e il primo cittadino di Cavarzere.

martedì 29 giugno 2021

ORLANDIN (ASSESSORE AL BILANCIO DI CAVARZERE): SIAMO RIUSCITI A DIMINUIRE LE TARIFFE ASPORTO RIFIUTI

L'Assessore al Bilancio del Comune di Cavarzere, Andrea Orlandin, si dice molto soddisfatto per i risultati raggiunti in ambito della tariffazione del servizio rifiuti. Approfittando delle risorse messe in campo dal decreto Legge 73 del 25 maggio 2021, che vanno a riguardare soprattutto le utenze non domestiche, il Comune è riuscito ad arginare l'aumento applicato dal nuovo metodo tariffario imposto dal Regolatore Centrale, ARERA. Non solo, le stesse risorse hanno permesso di ottenere per le utenze non domestiche una riduzione della tariffa del 10% rispetto al 2019, in controtendenza altri comuni dell'area le stanno aumentando. Per le tariffe domestiche, esse sono rimaste invariate, mentre agli altri comuni del bacino ne stanno alzando le percentuali. Fa notare, l’Assessore, che nell’ambito del Bacino Venezia Ambiente le tariffe, molto differenziate nel territorio, sono già di partenza inferiori a quelle di altre aree. L'Amministrazione di Cavarzere, come già fatto lo scorso anno, metterà in campo tutte le sue forze per aiutare i propri cittadini in un momento ancora così delicato, impegnandosi nel prestare la massima attenzione nel caso in cui altri fondi dovessero presentarsi, anche di natura statale, attivandosi per poterne usufruire e agevolare i propri cittadini.

sabato 26 giugno 2021

PASQUALI, STRADA PROVINCIALE N.8: ASPETTIAMO LA DISGRAZIA?

Il consigliere comunale Pasquali Emanuele del Comune di Cavarzere, denuncia la pericolosità della Strada Provinciale n.8 che collega Boscochiaro a Cantarana interessando quindi sia il Comune di Cavarzere che quello di Cona. Già nel settembre dello scorso anno aveva segnalato la situazione in cui la strada versava ma non aveva ottenuto alcuna risposta. Ora la situazione è peggiorata, lo stesso consigliere la definisce “da paura”, con la formazione di crateri e dislivelli che rappresentano un serio pericolo sia per chi circola in auto ma tanto più chi adopera motocicli e biciclette per potersi muovere. Nel 2020 è stato abbassato il limite di velocità e portato a 50 km/h. Nel piano asfaltature della Città Metropolitana di Venezia per il 2021 la strada Provinciale n. 8 non è stata inserita, inoltre mancano alcuni tratti di guard rail, nei punti più pericolosi ed è priva dei delineatori di margine lungo tutto il percorso. Pasquali sottolinea che la strada non è un’arteria di serie B e l’utenza deve avere lo stesso rispetto di coloro che percorrono le altre arterie che corrono a nord nella provincia di Venezia. Anzi, sembra essere uno dei collegamenti privilegiati per chi, arrivando da Padova e dalla Monselice Mare si dirige verso le spiagge di Sottomarina e Isola Verde spingendosi ai Lidi Ferraresi, soprattutto ora, vista la situazione disagiata per chi percorre la Romea. Il consigliere pertanto richiede che la Strada Provinciale n.8 venga inserita in un provvedimento di urgenza che possa almeno permettere il ripristino dei tratti più disagiati e pericolosi della pavimentazione della strada in questione. Ciò sarebbe fattibile in quanto sono attualmente in opera i lavori di asfaltatura delle vicine provinciali n.85 e n.4. Esorta quindi i sindaci dei Comuni interessati a adoperarsi per sollecitare l’intervento con i diretti interessati.

TANTI CENTINI ANCHE AL G.MARCONI DI CAVARZERE

Momento di bilanci al G. Marconi di Cavarzere al termine di un anno scolastico caratterizzato da dad, lezioni in presenza, attività di laboratorio sempre in presenza, distanziamenti, mascherine... Un anno comunque ricco di soddisfazioni. Gli alunni del corso ITIS Biotecnologie Sanitarie usciti con 100 alla maturità sono:
Sarto Erica di Campolongo Maggiore, continuerà con l'Università: Biotecnologie
Lovisetto Beatrice di Correzzola, continuerà con Medicina
Marzolla Filippo di Porto Viro, continuerà con Chimica Farmaceutica
Ma non mancano soddisfazioni anche al corso serale: ITIS Biotecnologie Ambientali rivolto agli adulti. Tiozzo "Netti" Giovanni di Chioggia.
Id Ballouk Lahoucin di Berra (FE) del corso ITIS Elettrotecnica
Id Ballouk Lahoucin di Berra (FE) del corso ITIS Elettrotecnica
Grinzato Pieralfredo di Cavarzere
Una maturità che ha dato belle soddisfazioni, un applauso a tutti gli alunni del diurno e del serale: impegno, serietà e costanza hanno permesso di raggiungere ottimi risultati. Da parte nostra (docenti tutti) un grande in bocca al lupo per il loro futuro con l'augurio di "essere sempre il meglio di loro stessi".

venerdì 11 giugno 2021

BAGARRE NEL CENTRODESTRA, DOLFIN RISPONDE A PARISOTTO: «DA QUALE PARTE STAI?»

Il consigliere regionale leghista Marco Dolfin stigmatizza l'atteggiamento del consigliere comunale cavarzerano Pier Luigi Parisotto, il quale aveva criticato la Lega locale, accusandola di "assenza" nell'istituzione delle nuove conferenze dei sindaci a livello regionale. «Fa specie - esordisce Dolfin - apprendere certe prese di posizione da parte di un ex rappresentante politico della città di Cavarzere, che nel solo intento di voler riapparire nel palcoscenico politico locale, viste le imminenti elezioni comunali, cerca di recuperare il tempo perduto e la visibilità che serve, decidendo di tirare in ballo a titolo gratuito alcuni amministratori del territorio».
Prosegue il consigliere regionale: «Parisotto ha sbagliato modi e tempi, dimostrando di usare ancora le vecchie tattiche, ancorate al solo modello del discredito: "Sparo nel mucchio, creo un po' di confusione e prima o poi qualcuno risponderà"... Dal momento che sembra il suo letargo politico sia finito, e visto che mi ha chiamato in causa, mi permetto volentieri di potergli rispondere cordialmente. In primis, l'invito è quello ad aggiornarsi, cominciando con il leggere tutto il contenuto della legge regionale numero 12 del 2021, e non solo i titoli di coda. Questa legge infatti riguarda sì lo sviluppo di certe aree interne, ma lo fa dopo che le amministrazioni comunali interessate, attraverso la conferenza dei sindaci, si sono associate previo processo programmatico descritto dalle stesse linee essenziali.
Un percorso che parte da lontano , dove proprio i territori sono i fautori: la legge regionale non prende in considerazione un mera area geografica (alla quale i Comuni stessi di Cavarzere, Chioggia e Cona evidentemente appartengono) ma piuttosto la programmazione costituita dalle stesse aree interne. Percorsi di discussione iniziati ancora nel 2019, quando il sottoscritto nemmeno sedeva in consiglio regionale. Ma vorrei ricordare a questo ex rappresentante politico di Cavarzere che le istanze devono, appunto, in primis provenire dal territorio, da chi amministra direttamente il Comune. E vanno esposte nei modi e nei tempi corretti. Non spetta certo al consigliere regionale di turno prendere iniziative singolari riguardo ad un Comune o a un altro, senza che questo non sia coinvolto in prima battuta, né tanto meno avvisato e reso partecipe del percorso».
Dolfin è «alquanto perplesso» dall'uscita di Parisotto, e lo rassicura che «il sottoscritto, oltre alla presenza in aula, ha votato favorevolmente, ritenendolo nel complesso un disegno di legge utile e valida per i territori interessati, che dà ai sindaci strumenti ulteriori per disporre nelle proprie comunità locali. Forse se l'amministrazione di Cavarzere fosse stata più interessata, attenta o avesse ritenuto di avere le carte in regola per poter rientrare nella fattispecie non avremmo avuto alcuna remora nel prodigarci per sostenere la sua partecipazione nel quadro normativo indicato. Invito quindi Parisotto a trovare altre questioni, se vuole cominciare la propria campagna elettorale, iniziando a capire da quale parte starà alle prossime elezioni. E magari appoggiando, stavolta, l'avvocato Pierfrancesco Munari, candidato della Lega, sgombrando il campo da fraintendimenti».

IPAB DANIELATO, INAUGURATO IERI MATTINA IL COMPLETAMENTO DEI LAVORI EDILI AL CENTRO DIURNO: ACCOGLIERÀ 16 ANZIANI GIORNALIERI

Nella mattinata di ieri è stato inaugurato il completamento dei lavori edili del centro diurno in seno all'IPAB Andrea Danielato di Cavarzere. Al taglio del nastro erano presenti il sindaco Henri Tommasi, il vicesindaco Paolo Fontolan, le assessore Cinzia Frezzato e Heidi Crocco. Il presidente del Centro Servizi, Fabrizio Bergantin, ha presentato l'incontro ricordando il raggiungimento di un traguardo importante, in quanto il futuro centro diurno potrà offrire un'accoglienza giornaliera alle persone anziane autosufficienti. Lo spazio dedicato al centro diurno si sviluppa al civico 46, di fronte all’attuale Centro Servizi, con accesso indipendente e personale dedicato. Comprenderà uno spazio per l’accoglienza, una zona soggiorno per le attività, una stanza per il riposo, una zona di coordinamento e i servizi igienici. Il centro prevede una disponibilità per sedici persone.
Il personale, con funzione di educatore, curerà l’organizzazione e la conduzione delle attività ludico-ricreative (ad esempio la tombola, giochi di società, laboratori creativi di produzione di oggetti, uscite all’esterno, gite ed escursioni, soggiorni climatici, feste, iniziative in collaborazione con diverse realtà della comunità locale) e qualsiasi altra attività utile a creare occasioni socializzanti e di svago per i destinatari della struttura. Il servizio si potrà avvalere della collaborazione del servizio di psicologia e di assistenza sociale già attivi nell’unità per persone anziane non autosufficienti.
Saranno presenti operatori sociosanitari che forniranno l’assistenza di base, la quale comprende la tutela, l’igiene e la cura della persona, dell’abbigliamento, l’aiuto nell’assunzione dei cibi, la cura dell’alloggio, il sostegno delle relazioni sociali. Il personale addetto al servizio infermieristico assicurerà la corretta applicazione dei protocolli terapeutici, l’adeguata somministrazione dei farmaci, il monitoraggio delle condizioni di salute degli anziani e l’attivazione di pronto intervento sanitario al bisogno.
Il servizio di ristorazione, affidato alla cucina interna, sarà progettato per consentire la scelta tra più alimenti accogliendo, per quanto possibile, le preferenze dei residenti e la stagionalità dei prodotti. Sarà presente una persona con ruolo di coordinamento per i servizi presenti. La Giunta ringrazia sentitamente il presidente della casa di riposo e i componenti dei due consigli di amministrazione, che hanno contribuito fattivamente alla realizzazione dell’opera, senza dimenticare l’intero personale amministrativo e socioassistenziale della struttura.

sabato 5 giugno 2021

CAVARZERE "ESCLUSA" DALLE CONFERENZE DEI SINDACI TRA BRENTA E PO? PARISOTTO CONTRO I TRE CONSIGLIERI REGIONALI

Il consigliere comunale Pierluigi Parisotto torna a occuparsi dei rapporti di forza nel territorio meridionale dell'area metropolitana di Venezia, in riferimento all'istituzione di due nuove conferenze dei sindaci, per la Riviera del Brenta e il Delta del Po. «Faccio anch’io i miei complimenti agli assessori regionali Calzavara e Corazzari per il risultato - commenta Parisotto - segno della loro lungimiranza politica. Ma nel contempo provo grande amarezza nel leggere le motivazioni ufficiali, tutte nobili e positive, che hanno portato a questo risultato, soprattutto dove recitano "due nuove conferenze dei sindaci per le terre tra il fiume Brenta e il Po".
Peccato che, leggendo l’elenco dei Comuni che ne fanno parte, sono esclusi Cavarzere, Cona e Chioggia. Dov’è l’errore? Nei comunicati, o nell’assenza di attenzione durante il voto di questa nuova legge del 25 maggio? soprattutto da parte dei tre consiglieri regionali chioggiotti (ma che hanno ricevuto voti anche da Cavarzere e Cona), di cui uno di maggioranza, il leghista Marco Dolfin, e due di minoranza, il primo del pd, Jonathan Montanariello, e la grillina Erika Baldin. Dov’erano costoro mentre nelle commissioni si discuteva della nuova legge, che è stata poi votata anche da loro nella seduta del consiglio regionale del 18 maggio? C’erano, erano assenti, o se c’erano, non hanno ritenuto importante far entrare i tre Comuni in una delle due, oppure far si che ne venisse istituita una terza?».
Conclude l'esponente della lista Tricolore: «Il sindaco di Cavarzere Henri Tommasi, di centrosinistra, quello di Cona Alessandro Aggio, della Lega, e quello grillino di Chioggia Alessandro Ferro non hanno nulla da dire in merito? Erano stati informati dai rispettivi consiglieri regionali di riferimento, di queste due consulte? L’assessore Corazzari, transitato nella sezione della Lega di Cavarzere un paio di mesi fa, promettendo grande disponibilità e interesse per il Comune, aveva informato il segretario Marco Grandi e i consiglieri comunali locali Pierfrancesco Munari e Roberta Fava? Questa è stata l’ennesima occasione persa per creare un contenitore istituzionale, studiare i problemi storici e costruire dal basso progetti di rinascita, affrontando i problemi alla luce del sole. Chiunque andrà a governare alle prossime elezioni comunali a Cavarzere e Chioggia dovrà porsi come primo impegno il dialogo con i sindaci dei territori confinanti, per affrontare l’oggettiva arretratezza e difficoltà in cui ci troviamo».